VIVERE ED INVESTIRE NEGLI STATI UNITI D'AMERICA

VIVERE ED INVESTIRE NEGLI STATI UNITI D'AMERICA - AVVOCATI AMERICANI.IT

Cerchi informazioni concise, aggiornate, e sopratutto precise su come investire, lavorare e/o vivere negli Stati Uniti? 

Il mercato americano offre svariate possibilitá e vantaggi per coloro che sono interessati ad investire e/o lavorare negli Stati Uniti.  Tuttavia, risulta spesso molto difficile, se non impossibile, ottenere informazioni online precise e aggiornate riguardo i procedimenti da seguire ai fini di intraprendere un'attivitá o un lavoro negli Stati Uniti. 

- Come ottenere un visto di lavoro e/o una green card (carta verde)?

- Come aprire una societá ed iniziare un imprendimento negli Stati Uniti?

- Qual'é la procedura basilare per acquistare un immobile negli Stati Uniti?
 
- Come costituire una societá ai fini di instaurare un business di import/export?

Tutte queste e molte altre, sono domande a cui troverete una risposta esaustiva nel nostro sito.

                                            WWW.AVVOCATIAMERICANI.IT

Finalmente un sito redatto da avvocati italo americani interamente dedicato alla comunitá italiana interessata a trasferirsi, investire e/o lavorare negli Stati Uniti.


N.B.
Sebbene i seguenti articoli siano stati redatti da avvocati italo americani, essi non rappresentano un parere legale. Tali documenti hanno meramente carattere informativo.

COME OTTENERE UN VISTO O UNA GREEN CARD PER GLI STATI UNITI?

COME OTTENERE UN VISTO O UNA GREEN CARD  PER GLI STATI UNITI? - AVVOCATI AMERICANI.IT
Grazie al c.d. Visa Waiver Program (Viaggio senza visto), i cittadini italiani non necessitano un visto per recarsi negli Stati Uniti per un periodo inferiore a 3 mesi. A partire dal 12 gennaio 2009 coloro i quali intendono recarsi negli Stati Uniti usufruendo del Visa Waiver Program, dovranno richiedere un'autorizzazione al viaggio elettronica, (ESTA -Electronic System for Travel Authorization) prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti.

 
Per usufruire del programma "Visa Waiver Program" (Viaggio senza visto) è necessario:


 

  • viaggiare esclusivamente per affari e/o per turismo
  • rimanere negli Stati Uniti non più di 90 giorni
  • possedere un biglietto di ritorno.
In mancanza anche di uno dei requisiti elencati, è necessario richiedere un visto.
Esistono differenti tipologie di visti d’ingresso che si possono richiedere a seconda della motivazione:
·         Visto B-1/B-2 : per affari o turismo
·         Visto F-1 o F-2 o M-1 o M-2 : per studenti
·         Visto H-1 o H-4 : per lavoratori temporanei
·         Visto J-1 o J-2 : per visitatori e/o programmi di scambio
Visto E-1 o E-2 : per investitori ed attivita' di scambio tra Italia e Stati Uniti
·         Visto L-1 o L-2 : per trasferimento di Personale da un azienda all’altra
·         Visto O-1 o O-2 o Q-1 : nell’ambito di attività sportive, artistiche e/o culturali
·         Visto R : per i religiosi
·         Visto I : per giornalisti, inviati, corrispondenti, mass-media, ecc.
Le procedure per ottenere i diversi tipi di visto sono soventemente complesse e l’unico vero modo di ottenere un visto che permetta di operare negli USA é quello di rivolgersi a un avvocato americano specializzato in leggi sull’immigrazione.  Adottare un approccio “fai da te” risulta quasi sempre fallimentare e alla fine piú costoso.

La Green Card (Carta Verde) è invece un visto di residenza permenente, un permesso di soggiorno illimitato negli Stati Uniti tramite la quale è possibile vivere e lavorare in qualsiasi città degli Stati Uniti per un tempo illimitato.

E' possibile ottenere la Green Card attraverso diversi procedimenti:

Immigrazione sponsorizzata dalla famiglia


I cittadini statunitensi possono presentare una richiesta di immigrazione per il proprio coniuge, per i genitori, i figli e i propri fratelli o sorelle. I beneficiari di una residenza permanente possono presentare una richiesta per il proprio coniuge e i relativi figli.

EB-1 Cittadini stranieri dotati di capacità straordinarie, Professori, Ricercatori illustri, Dirigenti e Manager di Multinazionali

Chi appartiene a questa categoria può presentare richiesta di residenza permanente evitando la lunghissima procedura necessaria al rilascio del certificato di lavoro.

EB-2 Lavoratori in possesso di specializzazioni post-lauream o dotati di capacità eccezionali nel campo scientifico, artistico, o commerciale

Chi è in possesso di un visto appartenente a questa categoria in genere deve ricevere un'offerta di impiego e il potenziale datore deve compilare il certificato di lavoro. Per ottenere questo certificato è necessario condurre un'indagine sul mercato del lavoro, e dimostrare che il potenziale titolare di un visto non sottrarrà un posto di lavoro ad un cittadino statunitense. Se si riesce a dimostrare che il proprio ingresso è nell'interesse della nazione, l'offerta di lavoro e il relativo certificato passano in secondo piano.

EB-3 Lavoratori specializzati e professionisti


Chi possiede un visto appartenente a questa categoria in genere deve ricevere un'offerta di impiego e il potenziale datore deve compilare il certificato di lavoro.

EB-4 Visto speciale immigranti per i ministri del culto


I ministri del culto possono richiedere la residenza permanente.

EB-5 Visto per investimenti e per la creazione di posti di lavoro


Con la Legge sull'Immigrazione del 1990 il Congresso ha riservato fino a 10.000 visti all'anno a cittadini stranieri desiderosi di investire in nuove imprese commerciali che creino almeno dieci posti di lavoro. Al programma possono partecipare due gruppi di investitori - chi investe almeno 500.000 dollari in aree dove è necessario creare occupazione (aree rurali o aree dove il tasso di disoccupazione sia pari almeno al 150% del tasso medio nazionale) e chi investe 1.000.000 dollari in un'altra area qualsiasi. Almeno 3.000 dei visti assegnati ogni anno devono essere riservati alle suddette aree ad alto tasso di disoccupazione.

DV-1 Visto per la Lotteria della Carta Verde


Ogni anno 50.000 visti sono assegnati a nominativi estratti a caso tra cittadini appartenenti a nazioni a basso flusso migratorio.

Richiesta dello status di rifugiato e richiesta d'asilo


Chi avesse valide motivazioni di temere persecuzioni derivanti da pregiudizi legati alla razza, alla religione, alla nazionalità, all'appartenenza ad un determinato gruppo sociale o politico, possono chiedere asilo o il riconoscimento dello status di rifugiato negli Stati Uniti.

Come per i visti non immigranti, le procedure per ottenere la Green Card possono essere alquanto complesse e un'assistenza da parte di un avvocato d'immigrazione americano e' altamente consigliata.
 
Per maggiori informazioni, contattateci a info@bltalaw.com 

ACQUISTARE UN IMMOBILE NEGLI STATI UNITI PER FINALITA' DI INVESTIMENTO

ACQUISTARE UN IMMOBILE NEGLI STATI UNITI PER FINALITA' DI INVESTIMENTO - AVVOCATI AMERICANI.IT

Per acquistare un immobilie negli U.S.A. per finalita’ di investimento, il non-residente (non in possesso di green card) ovvero, lo straniero non cittadino U.S.A., deve innanzitutto costiuire una societa’ americana, al fine di evitare che all’atto della rivendita della proprieta’, lo stesso sia soggetto alla ritenuta alla fonte del 10% del prezzo di rivendita dell’immobile (secondo il trattato FIRPTA).  Inoltre, la societa’ americana offre considerevoli vantaggi fiscali sulle eventuali entrate da affitto che l’immobile produce.

La scelta della tipologia di societa’ dipende dal come si vuole acquistare l’immobile. Se si desidera aquistare l’immobile mediante finanziamento, bisognera’ costituire una INC. (pari alla nostra S.p.A.); se, invece, si desidera acquistare l’appartamento in contanti, allora, servira’ semplicemente costituire una LLC (simile alla nostra S.r.l.). Entrambe le societa’ non richiedono versamento di capitale sociale ed i costi di mantenimento sono quasi nulli, nel senso che le societa’ americane sono sottoposte ad una contabilita’ estremamente semplificata e, come ogni entita’ giuridica, devono fare la dichiarazione annuale delle tasse.
 
Per semplificare le attivita’ inerenti l’acquisto dell’immobile, il legale dovra’ essere inserito nella struttura della societa’ come Manager ovvero Segretario. In questo modo, se l’investitore non e’ fisicamente presente, il legale potra’ svolgere automaticamente tutte le attivita’ del caso. Una volta costiuita la societa’, attivita’ che deve essere svolta da un legale U.S.A., bisogna ottenere il TIN (codice fiscale della societa’). Con detto TIN, la societa’ potra’ aprire il relativo conto in banca ed essere quindi pronta all’acquisto. Una volta aperto il conto in banca della societa’, e’ necessario effettuare il relativo versamento.
 
Il primo versamento richiesto e’ quello necessario per formulare un offerta di acquisto, che e’ pari a circa il 10% del prezzo complessivo dell’immobile. Pertanto, avendo chiaro a priori il budget che si vuole spendere, l’investitore provvedera’ mediate un semplice wire transfer (trasferimento bancario) dalla banca Italiana alla banca americana. Detto trasferimento non e’ soggetto a vincoli ovvero tasse di alcun tipo; ovviamente, la banca di partenza e la banca di destinazione applicheranno una fee (costo del servzio) che varia dai 30 ai 50 Euro complessivi. La societa’ e’ pertanto pronta a formulare un offerta di acquisto dell’immobile.
 
L’investitore dovra’ recarsi nel luogo selezionato e visionare vari immobili.  Una volta individuato l’immobile, bisogna presentare l’offerta di acquisto con pagamento contestuale del 10% del prezzo offerto. Detto somma, il 10%, viene trattenuta in escrow (conto separato) dall’avvocato del venditore sino al rogito.  Una volta che il vendotore ha accettato il contratto, normalmente, l’acquirente ha circa 15 giorni per recedere dallo stesso ed ottenere il deposito indietro (N.B.: il legale dovra’ verificare che detta clausola e’ inserita nell’offerta di acquisto). Successivamente, una volta che l’offerta e’ stata accettata dal venditore, verranno esplicate determinate attivita’ di carattere meramente legale:

1) Domanda al Condominio (il condominio deve accettare l’acquirente e deve rilasciare un c.d.waiver – non esercizio – al diritto di prelazione sull’acquisto dell’immobile).
2) Ricerca sul Titolo di Proprieta’ e Assicurazione sul Titolo di Proprieta’.

Una volta effetuate le attivita’ di cui sopra, si arriva al rogito. Il rogito prende normalmente dai 30 ai 45 minuti. Il compratore paga il prezzo di acquisto ed in cambio riceve la proprieta’ dell’immobile.

Per maggiori informazioni, contattateci a info@bltalaw.com 

COME APRIRE UN'ATTIVITA' NEGLI STATI UNITI?

COME APRIRE UN'ATTIVITA' NEGLI STATI UNITI? - AVVOCATI AMERICANI.IT

 

 
Per entrare nel mercato americano, la prima cosa che bisogna effettuare e’ una ricerca di mercato sulla fattibilita’ dell’operazione commerciale e sulla situazione del mercato. Una volta sviluppata, analizzata e completata detta ricerca, bisogna preparare un business and financial plan (bfp). La redazione del bfp deve essere affidata, cosi’ come la ricerca di mercato, a societa’ specializzate residenti nel territorio, ovvero, ancor meglio, a singoli individui – in tema di riduzione del costo – dotati di specifiche capacita’ professionali nel settore specifico di ricerca.

 

Costituzione della Societa’

 

Una volta effettuati gli adempimenti di cui sopra, bisogna svolgere una serie di attivita’ necessarie di carattere giuridico e/o legale. Innanzitutto, bisogna rivolgersi ad un legale per l’apertura di una societa’. La scelta della tipologia di societa’ dipende dalle dimensioni del business che si vuole svolgere. Normalmente, per i primi due anni, si consiglia una LLC, ovvero una societa’ del tipo S.r.l., ma con vantaggi ben superiori. La LLC, infatti, offre grossi vantaggi di carattere fiscale ed una certa flessibilita’ in tema di costituzione e gestione. Per formare una LLC, e’ necessario depositare presso il Secretary of State, Division of Corporations, un Article of Organization, simile al nostro atto costitutivo. Successivamente, bisogna sottoscrivere un Operating Agreement, il cui contenuto e’ assimilabile ad uno statuto di una societa’ di capitali Italiana. Il processo di costituzione si completa mediante la richiesta di pubblicazione di una notice of formation della LLC presso due quotidiani indicati dal County Clerk per circa 6 settimane. Si noti che la costituzione effettiva della societa LLC puo’ avvenire anche in 24 ore; il requisito della pubblicazione sopra menzionato e’ previsto qualora la societa’ voglia intraprendere, per qualsiasi ragione, una azione legale nei confronti di una terza parte. Contratti di Distribuzione Come detto, una volta effettuate le ricerche di mercato ed avere predisposto un business plan, alternativamente alla via societaria, si possono anche e semplicemente ricercare dei distributori americani - in relazione al settore di appartenenza - e stipulare con gli stessi dei contratti di distribuzione. In merito, bisogna fare attenzione sia al paragrafo che segue, autorizzazione e marchi, sia al discorso relativo “pagamenti e solvibilita’”. Nel contratto di distribuzione bisognera’ inserire delle clausole volta alla salvaguardia del pagamento della merce fornita e delle representation relative alla solvibilita’ del distributore.

 

Richiesta Autorizzazioni e Registrazione del Marchio
 
Una volta costituita la societa’, e’ necessario interessare le varie autorita’ competenti al fine di ottenere le autorizzazioni richieste dalla legge al fine di espletare il servizio/trade richiesto. Bisogna notare che negli Stati Uniti vi possono essere due livelli di autorizzazioni, il livello federale ed il livello statale. Entrambe le autorizzazioni, ove previste dalla legge, devono essere puntualmente richieste. Un esempio in merito puo’ esseere la Food and Drug Administration, autorita’ federale, che controlla e gestisce i prodotti alimentari, i prodotti del tabacco, le prescrizioni mediche ed i mediciali ovvero sostanze non soggette a prescrizione medica.
 

 

Contemporaneamente alla analisi e richiesta delle autorizzazioni sopra descritte, e’ necessario procedere alla registrazione del proprio marchio. L’ufficio competente e’ USPTO, e la procedura e’ piuttosto semplice. Il deposito della domanda di registrazione del marchio puo’ essere fatta on-line, ed i tempi di registrazione variano sino a raggiungere 6 mesi. Da un punto di vista prettamente legale, bisogna segnalare la c.d. teoria del priuos use del marchio/segno distintivo nel commercio. In tal caso, la societa’ titolare del prior use del segno distintivo avra’ un diritto c.d. preventivo sulla registrazione e titolarita’ del marchio.

 

 

 

 Immigrazione

 

 

 

Una volta costiuita la societa’, registrato il marchio, ed ottenute le autorizzazioni richieste dalla legge, sara’ necessario individuare la categoria di visto che eventualmente bisognera’ richiedere alla USCIS al fine di legalizzare il permenere di un dipendente nel territorio Americano. Vi sono viarie categorie di visti, ed ogni categoria prevede dei requisiti diversi. Nel caso particolare di un imprenditore Italiano che vuole sponsorizzare un dipendente per un visto, le categorie utilizzabili sono: E,H,L. Ovviamente, trattandosi di una societa – quella Americana – subsidiary di una societa’ Italiana, i visti di categoria L sono piu’ difficili (intra-company transferee of employee) ma quelli che garantiscono maggiori benenfici (durata complessiva di circa 5-7 anni).


 

Bisogna segnalare che e’ disponibile un servizio mediante il quale il petitioner puo’ pagare un premium di $ 1,225 ed ottenre l’approvazione del visto in circa 15 giorni (in realta’, si tratta di circa 30 giorni per l’approvazione complessiva del visto). La procedura di richiesta visto prevede il deposito presso l’autorita’ Americana (USCIS) di un modulo FORM I-129 con supplement, con la relativa documentazione comprovante l’esistenza dei requisiti richiesti ai fini del rilascio del visto, che, se approvato, viene inviato al beneficiario della domanda del visto e al relativo Consolato Americano ove il beneficario risiede. Il beneficiario dovra’ recarsi presso il Consolato Americano (previo appuntamento), sostenere un colloquio, compilare e depositare ulteriori moduli e, una volta definita positivamente questa procedura, avra’ apposto sul passaporto il visto.


Contratti di Lavoro


 

Il mercato del lavoro americano presenta delle caratteristiche abbastanza peculiari in tema di dinamicita’. Innanzitutto, la regolamentazione permette assunzioni temporanee, orarie, giornaliere, ovvero su base continuativa ed, il relativo ingresso del lavoratore avviene, il piu’ delle volte, mediante agenzie private specializzate nella ricerca del lavoratore e nel suo placement presso datori di lavoro. Bisogna rispettare alcune formalita prima della assunzione di un prestatore di lavoro subordianto: bisogna verificare che il soggetto in questione sia abilitato al lavoro (abbia, qualora non residente negli USA, e non cittadino Americano, le autorizzazioni governative richieste per il lavoro (EAC ovvero visto lavorativo o altro). Il relativo modulo che il lavoratore dovra’ compilare deve essere mantenuto dal datore di lavoro presso la sua sede sociale e messo a disposizione dell’immigrazione per eventuali controlli. Successivamente, il lavoratore dovra’ compilare un successivo modulo sulla base del quale applichera’ al lavoratore le relative trattenute alla fonte, da versare – sostituto d’imposta – presso l’IRS. Contratti di Affitto Ufficio ed Unita’ Operativa.

 

L’affitto di un locale presso il quale stabilire la sede operativa / stabilimento operativo di una societa’ prevede la stipula di un contratto di affitto ad uso commerciale dell’immobile. Detti contratti hanno una durata di circa 3 anni e richiedono il versamento di un deposito pari a circa 2-3 mensilita’ (talvota sono richiesti circa 6 mesi oltre ad una garanzia personale) oltre, ovviamente al primo mese. Non sono richiesta formalita’ notarili per la stipula di questi contratti, tuttavia, va segnalato che il landlord (locatore), trattandosi di societa’ nuove e senza la c.d. credit history (una storia del credito/debito della societa’ negli USA) potrebbe chiedere la prestazione di garanzie accessorie prima di sottoscrivere il contratto di locazione/affitto di unita’ commerciale. In termini di risoluzione del contratto di locazione commerciale, particolare attenzione deve essere prestata alle clausole inerenti i diritti del locatore/conduttore, rispettivamente, di risolvere e resciendere detto contratto.

Per maggiori informazioni, contattateci a info@bltalaw.com